Posizionamento, i contenuti contano!

Logo

02 8715 9553

06 8635 7715

Email Ticketing

supporto@fanaticoweb.com

Callback

Scegli l’ora chiamiamo noi!

Prezzo ottimizzazione SEO

Prezzo ottimizzazione SEO

Prezzo ottimizzazione SEO

Il costo dell’ottimizzazione SEO di un sito web può variare in base a diversi fattori, come la dimensione e la complessità del sito, il numero di parole chiave da ottimizzare e la concorrenza sulle parole chiave. In generale, però, si può dire che il prezzo ottimizzazione SEO di un sito web può costare da poche centinaia di euro a diverse migliaia di euro.

Le migliori agenzie SEO a Milano e Roma possono aiutarti a ottimizzare il tuo sito web per i motori di ricerca e migliorarne il posizionamento sui risultati di ricerca. Perché è importante ottimizzare il SEO di un sito web? L’ottimizzazione del SEO può aumentare il traffico sul tuo sito web, migliorare la visibilità del tuo brand online e portare più clienti potenziali sul tuo sito.

Stima del prezzo per il lavoro di ottimizzazione

Scrittura articoli SEO, contenuti webPer quanto riguarda il prezzo ottimizzazione SEO, i costi possono variare in base alle dimensioni del sito, esempio; per un sito di piccole dimensioni a partire da 500 Euro fino a 1.200 Euro. Ovviamente i costi variano anche da un’Agenzia all’altra, quindi occorre scegliere bene sia per il prezzo sia per il risultato finale del lavoro.

Migliore agenzia SEO a Milano

Tra tutte le agenzie SEO a Milano, scegli quella che meglio si adatta alle tue esigenze. La migliore agenzia SEO a Milano ti aiuterà a ottimizzare il tuo sito web per i motori di ricerca e migliorarne il posizionamento sui risultati di ricerca. Inoltre, la migliore agenzia SEO a Milano può anche offrirti consulenza sul marketing online e su come sfruttare al meglio i canali di marketing online per la tua attività.

Migliore agenzia SEO a Roma

Tra le agenzie SEO a Roma, scegli quella che ti offre il servizio corretto per le tue esigenze. La migliore agenzia SEO a Roma ti aiuterà a ottimizzare il tuo sito web per i motori di ricerca e migliorarne il posizionamento sui risultati di ricerca. Inoltre, la migliore agenzia SEO a Roma può anche offrirti consulenza sul marketing online e su come sfruttare al meglio tutti i canali di marketing online per la tua impresa online.

Posizionamento migliore e aumento del traffico sul sito

Inoltre, un sito ottimizzato per i motori di ricerca è più facile da trovare dagli utenti, il che significa che è più probabile che riceva visite e conversioni. Riuscire ad ottenere il miglior prezzo ottimizzazione SEO a fronte di una buona qualità del lavoro, potrebbe essere complicato trovare il professionista all’altezza.

Con il nostro aiuto puoi avere tutti i contenuti ottimizzati SEO e il supporto per migliorare tutta la struttura del sito. In questo modo tutti i contenuti presenti sul sito diventeranno 10 volte più efficaci! Contattaci ora.

Come si ottiene il traffico organico e che cosa fare per la SEO

Come si ottiene il traffico organico e che cosa fare per la SEO

Come si ottiene il traffico organico e che cosa fare per la SEO

Se vuoi far decollare il tuo sito web devi migliorare il suo posizionamento nei motori di ricerca, soprattutto se il tuo business si svolge principalmente online. Per migliorare il posizionamento del tuo sito, dovrai lavorare sulla SEO (Search Engine Optimization). Questo in sintesi è come si ottiene il traffico organico per aumentare le visite al sito.

La SEO è l’insieme delle strategie messe in atto per ottimizzare un sito web secondo i parametri richiesti. Questa la premessa su come si ottiene il traffico organico.

Contenuti SEO per posizionamento sito webPer comprendere bene il funzionamento della SEO è importante conoscere anche come funzionano i motori di ricerca. I motori di ricerca sono dei software che analizzano il contenuto di tutti i siti web presenti su internet e ne catalogano le pagine in base a determinati criteri. Quando un utente cerca qualcosa su un motore di ricerca, questo mostra i risultati in base alla propria catalogazione.

I motori di ricerca utilizzano degli algoritmi per determinare quali siano i siti che meglio rispondono alle domande poste dell’utente e in base ad essi mostrano i risultati nelle pagine. Per migliorare il posizionamento del proprio sito sui motori di ricerca, quindi, è importante lavorare sugli algoritmi che questi usano per classificare i siti.

I motori di ricerca sono in costante aggiornamento al fine di essere migliorati e perciò i parametri che utilizzano per classificare i siti cambiano spesso. Per questo stesso motivo la SEO è un lavoro in continua evoluzione, che richiede tempo, pazienza e costanza.

La SEO non è un lavoro facile

Migliorare il posizionamento del proprio sito sui motori di ricerca non è un lavoro facile e non basta pubblicare contenuti interessanti e originali, ma bisogna lavorare su diversi aspetti, tra cui:

  • La struttura del sito: i motori di ricerca valutano positivamente i siti che hanno una buona struttura, che sono facili da esplorare nella navigazione e che offrono agli utenti un’esperienza fluida e piacevole.
  • I contenuti: i contenuti devono essere originali, interessanti e utili agli utenti. Oltre ad essere scritti bene e ottimizzati per i motori di ricerca.
  • I link: i link sono importantissimi per la SEO. I link interni, cioè i link che portano da una pagina all’altra all’interno di un sito, aiutano i motori di ricerca a “navigare” nel sito stesso ed a comprendere la sua struttura. I link esterni, invece, sono importanti perché dimostrano ai motori di ricerca che è rilevante e viene considerato attendibile da altri siti.
  • La velocità del sito: i motori di ricerca valutano positivamente le pagine che si caricano velocemente. Gli utenti, infatti, non amano aspettare molto tempo per vedere il contenuto di una pagina web.
  • L’usabilità del sito: i motori di ricerca valutano positivamente i siti che sono facili da usare e in cui navigare. Perché gli utenti dovrebbero essere in grado di trovare facilmente ciò che stanno cercando e spostarsi velocemente da una pagina all’altra.

Questi sono solo alcuni degli aspetti su cui bisogna lavorare per migliorare il posizionamento del proprio sito web. Probabilmente ora è più chiaro su come si ottiene il traffico organico e quali azioni fare per migliorare la SEO del sito.

Sito web responsive: perché è importante l’ottimizzazione

Sito web responsive: perché è importante l’ottimizzazione

Sito web responsive: perché è importante l’ottimizzazione

Un sito ben ottimizzato è in grado di offrire numerosi vantaggi, sia in termini di prestazioni che d’impatto sull’ambiente. Vediamo come realizzare un sito responsive e perché è importante avere un sito ben ottimizzato

Avere un sito web responsive e ottimizzato in modo efficace è molto importante e può garantire numerosi vantaggi, sia per il proprio business che per l’ambiente. Con una buona ottimizzazione sarà possibile infatti aiutare le persone a trovare i contenuti che stanno cercando rapidamente e senza bisogno di effettuare lunghe ricerche: questo porta l’utente a navigare meno e in modo migliore. In questo senso il bisogno informativo alla base della ricerca viene immediatamente soddisfatto e non c’è necessità di cercare altrove contenuti.

Non bisogna dimenticare che un sito veloce e responsive permette anche di ridurre il consumo energetico e di conseguenza l’impatto sull’ambiente: una strategia di green marketing che permette di farsi apprezzare dai consumatori attenti alle tematiche ambientali, garantendo un vantaggio sui propri competitor.

Strategie per migliorare il mondo

Il web è una delle principali fonti d’inquinamento al mondo, per questo è bene conoscere l’impatto di C02 del proprio sito web per mettere in atto soluzioni strategiche in grado di ridurre il consumo energetico quotidiano. Più un sito web è lento, più produce C02. Contenuti lenti, pesanti o poco ottimizzati offrono un duplice svantaggio: da una parte vanno a inficiare la user experience, in quanto un utente impiegherà più tempo per accedere ai risultati cercati, dall’altro aumenterà il consumo energetico, passando più tempo online. Realizzare un sito green permette quindi non solo di aumentare le prestazioni e il posizionamento sui motori di ricerca ma offrirà un riscontro positivo per quanto riguarda l’impatto ambientale.

Esistono diverse soluzioni che è possibile adottare per ridurre l’impatto inquinante del proprio sito web. Un primo step è quello di ridurre il numero di risorse utilizzate: tutto quello che viene caricato sul proprio sito ha infatti un impatto in termini di C02: per questo, ridurre i file presenti permetterà di diminuire la produzione di carbonio. Un’altra soluzione è quella di ottimizzare le immagini: immagini più leggere si caricheranno in un tempo più breve, riducendo il tempo di attesa.

Inoltre, appoggiandosi a un server green, o sceglierne uno situato geograficamente più vicino al target di utenti a cui ci rivolgiamo, è un’altra soluzione che permette di rendere il sito web più performante, diminuendo l’impatto sull’ambiente.

SEO e sostenibilità

Anche la SEO può contribuire a migliorare la sostenibilità ambientale e le performance del proprio sito web. Spesso infatti un utente può perdere molto tempo alla ricerca di determinati contenuti. Un sito ben ottimizzato dal punto di vista SEO permette all’utente di ottenere in breve tempo i risultati che cerca. Questo si può ottenere anche installando un motore di ricerca interno per facilitare e rendere più rapida la navigazione dell’utente. L’ottimizzazione della user experience rappresenta anche un valore in termini di posizionamento SEO: contenuti più reperibili grazie a un buon utilizzo di key words permetteranno all’utente di reperire in poco tempo le informazioni cercate. Questo si tradurrà in un minor numero di pagine caricate e quindi in una minore quantità di CO2 emessa.

Anche per quanto riguarda la connessione internet utilizzata è importante scegliere la tariffa migliore per limitare i consumi; questo permetterà un sostanziale risparmio in bolletta ma anche un grande aiuto in termini di sostenibilità ambientale. È possibile quindi approfittare della fine del mercato tutelato per effettuare un confronto tra le migliori offerte internet e scegliere la più adatta alle proprie esigenze, senza dimenticare le offerte mobile per la connessione del proprio smartphone. Grazie alla digitalizzazione inoltre è possibile effettuare qualsiasi operazione, come ad esempio controllare la bolletta o scegliere il migliore fornitore di luce e gas tramite qualsiasi device.

Come ottenere lo snippet in prima pagina Google

Come ottenere lo snippet in prima pagina Google

Come ottenere lo snippet in prima pagina Google

La prima pagina è quanto di più ambito si possa desiderare per il proprio sito. La prima posizione e lo snippet in primo piano sono il massimo auspicabile per chiunque voglia farsi trovare. Ottenerlo non è esattamente una cosa semplice né facile da raggiungere, oltre a questo una volta raggiunto non è scontato che sia per molto tempo.

Nel complesso occorre realizzare un articolo ottimizzato per il SEO e ben delineato e composto nella sua stesura, seguendo le linee guida di Google. Più facile a dirsi che non a farsi ma con impegno, pazienza e dedizione … ma soprattutto sapendo cosa fare si riesce.

Ora vediamo in sintesi come ottenere lo snippet in prima pagina Google

Google tende a trovare risultati alle domande degli utenti, quando un utente invia una ricerca, cerca una risposta o soluzione a una questione. Ciò vuol dire, che la totalità delle ricerche hanno la finalità di offrire la soluzione più esatta possibile alla domanda che si pone l’utente.

Questa è l’impostazione tipo del contenuto:

  1. Inquadrare il testo in modo tale da essere la soluzione che l’utente cerca.
  2. Titoli di esempio: “come ottenere uno snippet in prima pagina Google”, oppure, “come ottenere lo snippet Google”, o ancora “ottenere lo snippet Google” e così via.
  3. Il testo, quindi, deve rispondere a queste domande, più sarà preciso e corretto nelle risposte, maggiori saranno le possibilità di ottenerlo.
  4. Generare il focus della risposta per l’effettiva domanda in modo tale che sia esattamente precisa ai dettami per ottenere il risultato. Ovvero stare entro le 70 parole che è il limite consigliato.

Vedi come è composto uno snippet:

Posizionamento sito Venezia, come raggiungere la prima pagina su GooglePer capire come ottenere uno snippet in prima pagina Google, è necessario capire il formato e il contenuto corretto da offrire al motore di ricerca. In questo caso non parliamo solo di SEO, ma proprio di una effettiva composizione dell’articolo. Che sia utile per l’utente e fargli capire esattamente come creare uno snippet. Offrire la soluzione se corretta, candida la pagina per questo ambito risultato.

Perché è importate lo snippet?

È chiaramente fondamentale essere presenti nelle SERP ai primi posti dei risultati di ricerca, questo riconoscimento amplifica il risultato e successo in termini di click. Quando un utente effettua una ricerca è subito attratto dalla prima posizione, pensando che sia quella più pertinente. Ed è così, perché questa è la finalità del motore di ricerca. Con una prima posizione posta in evidenza e spesso con tanto d’immagine, rende tutto molto più esponenziale.

Ottenere quindi un ottimo risultato come questo indica che si è fatto un buon lavoro. Questo sarà molto produttivo per quanto riguarda il traffico del vostro sito, che aumenterà in modo sensibile. Con risultati crescenti in termini di contatti e quindi possibili vendite.

Perché ricorda, un conto è vendere offrendo, un conto e vendere quando te lo chiedono, la forza del secondo caso è molto più grande.

Così, giusto per fare una valutazione chiamaci.

Articoli per il SEO, come elaborare un piano editoriale

Articoli per il SEO, come elaborare un piano editoriale

Articoli per il SEO, come elaborare un piano editoriale

L’integrazione di un blog per il sito con la pubblicazione di articoli per il SEO, porta considerevoli vantaggi nel posizionamento sui motori di ricerca. L’elaborazione più semplice possibile e anche la più rapida, è sicuramente quella di analizzare il sito e valutare prima di tutto le keyword da usare.

Vediamo come procedere:

  • Prendere in esame il prodotto, servizio o tema trattato dal sito.
  • Identificare la main key, ovvero la password principale.
  • Con la keyword principale simulare le possibili ricerche degli utenti, per fare questo potete affidarvi a siti come answerthepublic.com.

Una volta identificate le keyword di ricerca che più rappresentano il prodotto, servizio o tema del sito, strutturare il titolo dell’articolo. Gli articoli per il SEO ovviamente devono avere una serie di caratteristiche tali da renderlo “apprezzabile” da Google e altri motori.

Come scegliere il titolo giusto per il piano editoriale

Da tenere a mente che i titoli degli articoli devono contenere quando possibile, la keyword principale. Questo perché il titolo orienta in linea di principio tutto quello che il tema trattato nell’articolo. Il titolo deve essere quanto più corrispondente al tema trattato nel testo.

Un buon titolo può essere composto dalla keyword principale e da una seconda keyword ovviamente sempre legata al tema. Per elaborare un piano editoriale efficace è necessario confutare anche le ricerche effettuate dagli utenti. Questo si può fare anche semplicemente scrivendo la keyword nel box di ricerca di Google e vedere i risultati dei suggerimenti.

Come scegliere gli articoli per il SEO

articoli per il SEOPer usare una metrica quanto più soddisfacente, è possibile prendere in considerazione lo strumento di verifica gratuito Google Trends. Con questo strumento si può analizzare il traffico e quindi l’intensità di quanto una specifica keyword viene usata dagli utenti.

Generalmente gli articoli per il SEO vengono realizzati allo scopo di spingere il sito nelle SERP di Google; tuttavia, non bisogna trascurare il lato comunicativo. È importante quindi scegliere bene un tema pertinente, ma senza trascurare affatto il contenuto, questo punto è davvero molto importante. Il contenuto del testo deve essere si ottimizzato e contenente la main keyword, ma deve anche offrire qualcosa al lettore in termini di valore.

Ricordarsi questi tre punti per un piano editoriale di successo:

  1. Titoli accattivanti e contenenti almeno la keyword principale.
  2. Realizzare un testo interessante e utile per il lettore e (Google).
  3. Evitare ridondanza del contenuto e che sia totalmente originale.

Seguire queste regole porta alla realizzazione di un piano editoriale che porterà il sito a indicizzarsi e ben posizionarsi con le key scelte. La fase elaborativa del piano è quella più difficile perché saranno le keyword e i titoli che determineranno il successo o meno del piano editoriale.