Posizionamento, i contenuti contano!

Logo

02 8715 9553

06 8635 7715

Email Ticketing

supporto@fanaticoweb.com

Callback

Scegli l’ora chiamiamo noi!

Prezzo ottimizzazione SEO

Prezzo ottimizzazione SEO

Prezzo ottimizzazione SEO

Il costo dell’ottimizzazione SEO di un sito web può variare in base a diversi fattori, come la dimensione e la complessità del sito, il numero di parole chiave da ottimizzare e la concorrenza sulle parole chiave. In generale, però, si può dire che il prezzo ottimizzazione SEO di un sito web può costare da poche centinaia di euro a diverse migliaia di euro.

Le migliori agenzie SEO a Milano e Roma possono aiutarti a ottimizzare il tuo sito web per i motori di ricerca e migliorarne il posizionamento sui risultati di ricerca. Perché è importante ottimizzare il SEO di un sito web? L’ottimizzazione del SEO può aumentare il traffico sul tuo sito web, migliorare la visibilità del tuo brand online e portare più clienti potenziali sul tuo sito.

Stima del prezzo per il lavoro di ottimizzazione

Scrittura articoli SEO, contenuti webPer quanto riguarda il prezzo ottimizzazione SEO, i costi possono variare in base alle dimensioni del sito, esempio; per un sito di piccole dimensioni a partire da 500 Euro fino a 1.200 Euro. Ovviamente i costi variano anche da un’Agenzia all’altra, quindi occorre scegliere bene sia per il prezzo sia per il risultato finale del lavoro.

Migliore agenzia SEO a Milano

Tra tutte le agenzie SEO a Milano, scegli quella che meglio si adatta alle tue esigenze. La migliore agenzia SEO a Milano ti aiuterà a ottimizzare il tuo sito web per i motori di ricerca e migliorarne il posizionamento sui risultati di ricerca. Inoltre, la migliore agenzia SEO a Milano può anche offrirti consulenza sul marketing online e su come sfruttare al meglio i canali di marketing online per la tua attività.

Migliore agenzia SEO a Roma

Tra le agenzie SEO a Roma, scegli quella che ti offre il servizio corretto per le tue esigenze. La migliore agenzia SEO a Roma ti aiuterà a ottimizzare il tuo sito web per i motori di ricerca e migliorarne il posizionamento sui risultati di ricerca. Inoltre, la migliore agenzia SEO a Roma può anche offrirti consulenza sul marketing online e su come sfruttare al meglio tutti i canali di marketing online per la tua impresa online.

Posizionamento migliore e aumento del traffico sul sito

Inoltre, un sito ottimizzato per i motori di ricerca è più facile da trovare dagli utenti, il che significa che è più probabile che riceva visite e conversioni. Riuscire ad ottenere il miglior prezzo ottimizzazione SEO a fronte di una buona qualità del lavoro, potrebbe essere complicato trovare il professionista all’altezza.

Con il nostro aiuto puoi avere tutti i contenuti ottimizzati SEO e il supporto per migliorare tutta la struttura del sito. In questo modo tutti i contenuti presenti sul sito diventeranno 10 volte più efficaci! Contattaci ora.

Sito web responsive: perché è importante l’ottimizzazione

Sito web responsive: perché è importante l’ottimizzazione

Sito web responsive: perché è importante l’ottimizzazione

Un sito ben ottimizzato è in grado di offrire numerosi vantaggi, sia in termini di prestazioni che d’impatto sull’ambiente. Vediamo come realizzare un sito responsive e perché è importante avere un sito ben ottimizzato

Avere un sito web responsive e ottimizzato in modo efficace è molto importante e può garantire numerosi vantaggi, sia per il proprio business che per l’ambiente. Con una buona ottimizzazione sarà possibile infatti aiutare le persone a trovare i contenuti che stanno cercando rapidamente e senza bisogno di effettuare lunghe ricerche: questo porta l’utente a navigare meno e in modo migliore. In questo senso il bisogno informativo alla base della ricerca viene immediatamente soddisfatto e non c’è necessità di cercare altrove contenuti.

Non bisogna dimenticare che un sito veloce e responsive permette anche di ridurre il consumo energetico e di conseguenza l’impatto sull’ambiente: una strategia di green marketing che permette di farsi apprezzare dai consumatori attenti alle tematiche ambientali, garantendo un vantaggio sui propri competitor.

Strategie per migliorare il mondo

Il web è una delle principali fonti d’inquinamento al mondo, per questo è bene conoscere l’impatto di C02 del proprio sito web per mettere in atto soluzioni strategiche in grado di ridurre il consumo energetico quotidiano. Più un sito web è lento, più produce C02. Contenuti lenti, pesanti o poco ottimizzati offrono un duplice svantaggio: da una parte vanno a inficiare la user experience, in quanto un utente impiegherà più tempo per accedere ai risultati cercati, dall’altro aumenterà il consumo energetico, passando più tempo online. Realizzare un sito green permette quindi non solo di aumentare le prestazioni e il posizionamento sui motori di ricerca ma offrirà un riscontro positivo per quanto riguarda l’impatto ambientale.

Esistono diverse soluzioni che è possibile adottare per ridurre l’impatto inquinante del proprio sito web. Un primo step è quello di ridurre il numero di risorse utilizzate: tutto quello che viene caricato sul proprio sito ha infatti un impatto in termini di C02: per questo, ridurre i file presenti permetterà di diminuire la produzione di carbonio. Un’altra soluzione è quella di ottimizzare le immagini: immagini più leggere si caricheranno in un tempo più breve, riducendo il tempo di attesa.

Inoltre, appoggiandosi a un server green, o sceglierne uno situato geograficamente più vicino al target di utenti a cui ci rivolgiamo, è un’altra soluzione che permette di rendere il sito web più performante, diminuendo l’impatto sull’ambiente.

SEO e sostenibilità

Anche la SEO può contribuire a migliorare la sostenibilità ambientale e le performance del proprio sito web. Spesso infatti un utente può perdere molto tempo alla ricerca di determinati contenuti. Un sito ben ottimizzato dal punto di vista SEO permette all’utente di ottenere in breve tempo i risultati che cerca. Questo si può ottenere anche installando un motore di ricerca interno per facilitare e rendere più rapida la navigazione dell’utente. L’ottimizzazione della user experience rappresenta anche un valore in termini di posizionamento SEO: contenuti più reperibili grazie a un buon utilizzo di key words permetteranno all’utente di reperire in poco tempo le informazioni cercate. Questo si tradurrà in un minor numero di pagine caricate e quindi in una minore quantità di CO2 emessa.

Anche per quanto riguarda la connessione internet utilizzata è importante scegliere la tariffa migliore per limitare i consumi; questo permetterà un sostanziale risparmio in bolletta ma anche un grande aiuto in termini di sostenibilità ambientale. È possibile quindi approfittare della fine del mercato tutelato per effettuare un confronto tra le migliori offerte internet e scegliere la più adatta alle proprie esigenze, senza dimenticare le offerte mobile per la connessione del proprio smartphone. Grazie alla digitalizzazione inoltre è possibile effettuare qualsiasi operazione, come ad esempio controllare la bolletta o scegliere il migliore fornitore di luce e gas tramite qualsiasi device.

Articoli scritti da intelligenza artificiale, restiamo umani

Articoli scritti da intelligenza artificiale, restiamo umani

Articoli scritti da intelligenza artificiale, restiamo umani

Sembra quasi che oggi e, come dicono in futuro, tutto sarà nelle “mani” dell’intelligenza artificiale. Ora, facendo alcune considerazioni semplici, non possiamo dire che la tecnologia non sia stata evolutiva per molti aspetti della vita di ogni giorno. Tuttavia, pensare che una sorta di “intelligenza sintetica” sia la soluzione a ogni problema è alquanto presuntuoso.

Prendiamo atto che, grazie alla digitalizzazione è possibile creare articoli scritti da intelligenza artificiale, o meglio, scritti da un algoritmo. Questo algoritmo è in grado di concettualizzare un tema, può argomentarlo e dettagliarlo ma non può certo dargli vitalità!

Vediamo un paragrafo scritto dall’intelligenza artificiale

Titolo: Articoli scritti da intelligenza artificiale

In passato, se volevi scrivere un articolo, dovevi trovare un argomento, fare qualche ricerca, elaborare una tesi e poi iniziare a scrivere. Ma ora, c’è un nuovo modo di scrivere articoli: l’intelligenza artificiale.

Gli articoli generati dall’IA stanno diventando sempre più comuni e stanno migliorando sempre di più. In effetti, alcuni articoli generati dall’IA sono ora pubblicati in importanti pubblicazioni.

Ci sono alcuni modi diversi per generare articoli generati dall’IA. Alcune piattaforme, come Wordsmith, consentono di digitare un argomento e l’IA genererà un articolo basato su tale argomento. Altre piattaforme, come Automated Insights, consentono di caricare dati e l’IA genererà un articolo basato su tali dati.

Indipendentemente da come vengono generati, gli articoli generati dall’IA hanno molti vantaggi. Sono veloci, precisi e coerenti. E poiché sono generati da computer, possono essere pubblicati rapidamente e a basso costo.

È chiaro che nel lessico sopra descritto, l’IA evidentemente tira l’acqua al suo mulino. Ed è più che normale, se vai dal fornaio e chiedi se il pane è buono non dirà mai di no 😀

Come possiamo vedere, nel testo elaborato dall’IA ci sono concetti schematici e privi di personalizzazione. Questo genere di contenuti può andar bene per argomentazioni di carattere generico; quindi, non approfondite tanto meno sensibili agli occhi del lettore. Scrivere articoli per descrivere un determinato tema, prodotto o servizio richiede la conoscenza degli stessi, cosa che l’IA non ha e non può avere.

Usiamo la tecnologia con la nostra intelligenza

Intelligenza umanaDovrebbe essere palese il fatto che, creare contenuti con l’intelligenza artificiale, non è poi così efficace. Per esempio, in ambito SEO non può costruire quelle frasi contenenti keywords oppure long tail utili a premere sull’indice dei motori di ricerca. E questo è solo un esempio, quello che emerge da questa tecnologia è semplicemente il fatto che è la somma sintetica dell’uomo, priva però della sua anima, passione e imprevedibilità.

Quello che non potrà mai fare l’IA è valutare, criticare, personalizzare o semplicemente descrivere come fa un uomo o una donna in carne e ossa. La differenza non è sottovalutabile, per quanto sia sottile la dinamica descrittiva di un testo, questa non avrà mai la “luce” che solo l’uomo può avere.

Per concludere, creare un testo, qualunque sia la sua connotazione, implica tutta una serie di elaborazioni che una macchina non potrà mai avere. Anche l’errore è umano!

Tratto da un testo elaborato dall’IA: … potrebbe liberare i giornalisti per fare la segnalazione più investigativa, o permettere loro di mettere a fuoco sulla scrittura delle storia più complesse …

Quando l’errore lo troviamo in un testo creato dall’intelligenza artificiale, non sta imitando l’uomo, semplicemente non è così intelligente 😀

Chiedi un preventivo, con noi puoi farlo 😀

Articoli seo per blog

Articoli seo per blog

Articoli seo per blog

Prima di cominciare, cerchiamo di capire qual è la differenza tra gli articoli in generale e gli articoli seo per blog.

Un articolo può essere qualsiasi testo con un buon contenuto e una scrittura impeccabile. Un articolo seo, invece, è un articolo su un particolare argomento coerente con la linea del blog, scritto bene ma con semplicità e ottimizzato per Google. Per ottimizzare in funzione di Google si deve scrivere seguendo sia la grammatica della lingua italiana sia la grammatica dell’algoritmo: la SEO

Ora dovremmo fare un’ulteriore distinzione tra articolo seo e articolo seo per blog. La differenza sta nello scrivere per un blog e nello scrivere per qualsiasi altro portale; quest’aspetto non riguarda principalmente la SEO ma piuttosto lo stile da adottare.

Un post per il blog richiede un approccio leggermente diverso e deve soddisfare quattro caratteristiche principali:

  • Informale: gli articoli per i blog devono tendere a essere amichevoli, con pochi tecnicismi (salvo che non si tratti di un blog professionale) e se utilizzati è meglio spiegarli, ma soprattutto bisogna parlare come si parlasse a un amico.
  • Personale: si deve percepire una personalità ben distinta dietro la tastiera. Gli articoli, poi, devono avere uno stile, essere preferibilmente vivaci e incalzanti.
  • Coinvolgente: in base alle caratteristiche precedenti, il risultato deve coinvolgere il lettore, e questo succede solo quando ci si mette sullo stesso piano e ci si esprime senza manierismi. Quindi lungi da te formalità e spocchia.
  • E poi la seo: eh già, e poi la SEO…

Ma prima della SEO – che puoi trovare all’ultimo paragrafo – un ultimo consiglio: prima di metterti a picchiettare sulla tastiera, organizza i tuoi argomenti. Scegli un ambito d’interesse che conosci molto bene e su cui ci sia molto da scrivere. Crea uno schema con gli argomenti più forti come base e gli altri articoli a seguire, informati e trova una tua personale maniera di affrontarli.

Mi raccomando, il blog deve riflettere la tua personalità ed essere originale per avere successo.

A chi servono articoli SEO per blog?

A chi servono articoli SEO per blogGli articoli SEO per blog servono a tutti, anche a chi ha un sito che vende concime o qualsiasi altro prodotto o servizio. Il blog è una pagina importante per aumentare il traffico del tuo sito e di conseguenza anche vendere i tuoi prodotti.

Il blog non è uno spazio personale usato solo dai blogger, ma può essere uno strategico spazio di vendita. Per esempio, se sei quello lì che vende il concime, scrivere articoli sull’agricoltura in generale, attirerà gente interessata all’argomento e probabilmente interessata anche all’acquisto del concime.

In realtà, potremmo dire che gli articoli di un blog fungono come esca per far conoscere agli utenti il tuo prodotto. E proprio per questo motivo è indispensabile scriverli come piace a Google per scalare le classifiche della serp.

Scrivere per la SEO

Scrivere articoli SEO per blog non è tanto diverso di scrivere in generale secondo la SEO. Le regole sono sempre le stesse e basta applicarle, ma senza esagerare. Non trascurare mai il contenuto, la scrittura e la scorrevolezza del testo per fare spazio alla SEO. Magari, ogni tanto, chiudi un occhio su qualche regoletta a favore di una frase più divertente.

Cinque regole fondamentali per articoli seo per blog:

  1. Contenuto: individua un argomento d’interesse generale e di attualità, e verifica com’è stato trattato da altri blogger così da poterlo affrontare in modo diverso.
  2. Cerca le parole chiave: molti consigliano di ottimizzare l’articolo dopo averlo scritto. Invece, io ti consiglio di ottimizzarlo in fase di scrittura. Sarà molto più semplice gestire le parole chiave in questo mondo. Quindi, ricerca le parole chiave, decidi quale sarà quella di riferimento e organizza già la stesura per paragrafi.
  3. Dividi in paragrafi: l’impaginazione dell’articolo è fondamentale sia per Google sia per gli utenti. Dividi il testo in vari sottotitoli H3, nei quali potrai sviluppare in modo più organizzato ogni aspetto dell’argomento.
  4. Utilizza contenuti visuali: immagini, video e infografiche fanno la differenza. Il contenuto visuale è proprio qualcosa di cui non puoi fare a meno. Gli articoli SEO per blog sono completi e hanno un senso solamente col contenuto visuale. Gli utenti amano le immagini e queste sono anche un modo per attirare la loro attenzione. Google ama le infografiche, quindi vedi tu chi fare contento o se accontentarli entrambi.
  5. Link interni ed esterni: un articolo non è mai completo senza i collegamenti esterni e interni al sito stesso.
  6. Call to action: all’interno degli articoli o sulla pagina di lettura, puoi aggiungere delle call to action (inviti a eseguire delle determinate azioni), come ad esempio: incitare a condividere l’articolo, consigliare articoli affini da leggere, mettere mi piace alla pagina Facebook, iscriversi al sito, ecc. O più semplicemente puoi aggiungere delle box immagini che rimandino ad altri siti o direttamente ai prodotti che vuoi vendere.
  7. Condividi: in ultima fase, non limitarti a pubblicare il tuo post e aspettare l’indicizzazione di Google, ma condividilo già attraverso i social. Fai in modo di aprire una discussione e suscitare interesse.

Seguendo queste indicazioni scriverai degli ottimi articoli SEO per blog e lo farai divertendoti. Ricorda che il blog può diventare un lavoro ma è prima di tutto un divertimento. Fare blogging deve piacerti, solo così potrai creare una community reale e fedele al tuo progetto.

Posizionamento sito Bologna, come aggiornare il contenuto

Posizionamento sito Bologna, come aggiornare il contenuto

Posizionamento sito Bologna, come aggiornare il contenuto

Per quanti cercano indicazioni sul posizionamento sito Bologna è una città ricca di opportunità ma anche di competitors. La sua caratteristica di essere una città giovane e vivace la rende una fucina di idee nuove, ed emergere in un panorama dinamico e vivace non sempre è facile.

Avere un buon sito web, che sia ottimizzato in chiave SEO, è sicuramente il primo passo, ma non basta. E’ necessaria una costante opera di aggiornamento per fare in  modo che il sito sia sempre all’avanguardia. In questo modo i motori di ricerca lo premieranno in quanto ricco di contenuti attuali e utili.

Come aggiornare il contenuto di un sito web è dunque una domanda legittima dal momento che va ad incidere sul posizionamento sito Bologna.

Aggiungere nuovi contenuti e aggiornare i vecchi. Due possibili modi di rinnovare il sito

Rinnovare un sito web vuol dire inserire a cadenza periodica dei contenuti nuovi che soddisfino l’esigenza di informare l’utente. In questo modo i motori di ricerca leggeranno dei contenuti attuali e considereranno il sito vitale ed utile. Questo lavoro porta e dei buoni risultati. Anche dal punto di vista del posizionamento sito Bologna, malgrado le difficoltà di emergere tra le realtà cittadine, i risultati saranno interessanti.

Per rinnovare i contenuti si devono seguire sostanzialmente due strade.

  • Aggiungere periodicamente nuove pagine.
  • Aggiornare le pagine esistenti in modo che i loro contenuti siano sempre attuali.

La cadenza con cui fare gli aggiornamenti dipende chiaramente dal tipo di sito in questione. Un sito di news avrà degli aggiornamenti quotidiani, mentre un sito professionale potrebbe essere aggiornato anche a cadenza bimestrale. L’importante è che, una volta definito l’intervallo di tempo tra gli aggiornamenti, si proceda con costanza a metterli in atto.

Calendario editoriale. Un valido strumento per tenere il sito sempre aggiornato

Un aiuto valido per tenere il passo e per comprendere come aggiornare il contenuto di un sito web è il calendario editoriale. Si tratta di uno strumento digitale o cartaceo che serve a organizzare le scadenze degli aggiornamenti.

Per iniziare è importante organizzare un piano dei contenuti da pubblicare, vale a dire, fare una attenta analisi per capire quali sono gli argomenti da trattare. Per fare questo è necessario eseguire uno studio preliminare del pubblico di riferimento e del mercato, per trattare argomenti in target con esso. Una volta definito il piano di azione, e capiti gli argomenti da trattare, si può impostare il calendario editoriale.

Basta un foglio Excel contenente data e titoli degli aggiornamenti da pubblicare, ma va bene anche un quaderno, o Google Calendar. La scelta dipende dalle singole preferenze e non cambia la sostanza.

Una volta stabilita la frequenza degli aggiornamenti si dovranno decidere gli argomenti da trattare di volta in volta. Titoli, eventuali immagini, bozza dei testi, tutto quello che si potrà inserire sarà utile nel momento in cui si dovrà procedere ad effettuare l’aggiornamento.

Aggiornare il sito, ma anche le pagine social, attraverso un calendario editoriale dà la possibilità di organizzare meglio i contenuti.

Così facendo si ottiene un grande vantaggio organizzativo e il posizionamento sito Bologna ne gioverà enormemente.

Scrittura SEO: per creare nuovi flussi di traffico e contatti

Scrittura SEO: per creare nuovi flussi di traffico e contatti

Scrittura SEO: per creare nuovi flussi di traffico e contatti

Realizzare un sito imbattibile significa avere una buona grafica, padroneggiare la scrittura seo e favorire l’interazione con l’utente.

Una volta che avrai configurato alla perfezione il sito, dovrai occuparti della tua community ma soprattutto degli articoli. I post, le pagine e gli articoli che pubblicherai sul sito sono i canali di comunicazione col pubblico; attraverso di essi puoi creare una comunità di persone che ti segue rafforzando l’autorità del tuo progetto.

Ti è chiaro quanto la stesura di un solo articolo possa essere determinante per il successo del sito?

Prima di considerare l’articolo dal punto di vista della scrittura seo, vediamo le caratteristiche della scrittura di un articolo tout court.

Vediamo come e perché

Scrivere sul web non è la stessa cosa di scrivere come romanziere o come giornalista. Ci sono delle caratteristiche basilari da rispettare:

  • Semplicità
  • Prima persona
  • Tu o voi? L’importante è che coinvolgi i lettori
  • Impaginazione
  • Forma attiva e affermativa
  • Se ne sei capace, usa lo storytelling

Un testo dev’essere semplice e diretto, la sua funzione principale è di comunicare e non di mostrare le tue doti letterarie. Cerca di scrivere come se parlassi a un tuo amico, sii naturale, senza pretese ma cura la grammatica e lo stile. L’ideale è scrivere in prima persona: sei tu che racconti, sei tu che condividi con i tuoi lettori informazioni ed esperienze personali.

Inoltre

SEO-MarketingNella scrittura per il web si preferisce rivolgersi a un “tu”, ma in realtà puoi fare come vuoi, l’importante è coinvolgere i lettori. L’impaginazione deve essere scorrevole e piacevole alla vista, quindi: paragrafi, sottotitoli, parole evidenziate e immagini. Altro elemento fondamentale per scrivere sul web (ma anche per la scrittura seo) è di privilegiare la forma attiva e le frasi affermative, a Google non piace il passivo e al marketing la negazione. Infine, se sei veramente bravo a scrivere, dovresti far uso dello storytelling, questa tecnica è una vera esca per il tuo pubblico.

Come scrivere in ottica seo

Alcune delle regole da seguire per una buona scrittura sul web sono anche quelle da seguire per la scrittura seo. Ma andiamo a vedere nello specifico come scrivere per la seo e a cosa servono certe scelte organiche.

  1. Scrivere bene: lo so, è scontato, per scrivere un articolo bisogna almeno saper scrivere. Ma non solo, bisogna saper scrivere anche per Google. Google valuta sia la forza di un contenuto sia la buona scrittura. Questo per dire: dimentica le ripetizioni a random della parola chiave.
  2. Paragrafi H1 H2 H3: se hai già sperimentato con l’editor della tua piattaforma, ti sarai accorto che per la scelta del titolo e dei sottotitoli hai questi H1 H2… La divisione in paragrafi è fondamentale per favorire la lettura dell’articolo ma anche per aiutare Google a comprendere il tuo testo. Ci sono però delle regole da seguire, H1 va usato solo per il titolo, H2 è meglio usarlo solo una volta e preferire al suo posto gli H3.
  3. Parola chiave: la parola chiave è il perno del tuo testo, deve indicare l’argomento trattato nel testo ma deve anche coincidere con la ricerca da parte degli utenti. Per conoscere i valori di ricerca di una parola chiave puoi affidarti a Google Keyword Planner. In linea generale, la parola chiave deve trovarsi nel titolo (sia html sia del testo), nella prima frase e poi ripetuta nel testo con un valore 1/10 in base alla quantità di parole scritte. Non dimenticare di inserire la keyword anche nell’url.

    Passaggi fondamentali:

  4. Uso di sinonimi: insieme alle keyword per una scrittura seo più scorrevole e meno ripetitivo ti consiglio di usare sinonimi o perifrasi.
  5. Title e Meta description: questi sono due elementi html. Nel caso del titolo è bene inserire la parola chiave all’inizio. La meta description è la breve descrizione che compare sul web sotto il link al sito detto anche “snippet”. Deve essere ottimizzata con l’uso della parola chiave e deve contenere un massimo di 150/160 caratteri.
  6. Grassetto: ovviamente le parole chiave vanno evidenziate tutte. Il grassetto però serve anche per evidenziare le parti salienti del testo per favorire una lettura veloce.
  7. Link: l’inserimento di link nell’articolo è praticamente obbligatorio per avere un buon articolo. I collegamenti devono essere sia interni al sito sia esterni.

Perché la scrittura seo è così importante?

La scrittura seo è fondamentale per tre motivi:

  • Posizionamento su Google: ovviamente non facciamo seo per niente, ma per posizionarci su Google. L’obiettivo è raggiungere le prime posizioni, la strategia è la seo.
  • Facilità di lettura: un testo seo è di per sé stesso un testo molto più facile e piacevole da leggere. Sia per gli elementi di ancoraggio (paragrafi, parole evidenziate, keyword) sia perché offre informazioni in modo diretto e ordinato.
  • Fidelizzazione del lettore: un articolo seo non è solo un articolo per Google, ma è un testo spogliato da elementi superflui che arriva subito al succo del discorso. Ricordati che in internet le persone cercano risposte a domande specifiche e non vogliono ascoltare la storia della tua vita. Scrivere in ottica seo ti permette di semplificare il testo e renderlo globalmente efficace.

In conclusione

Ora che abbiamo visto le line guida per una buona scrittura seo, ti consiglio un paio di strumenti che potrebbero aiutarti in questa impresa. Innanzitutto, se hai un sito WordPress non puoi fare a meno di YoastSeo, altrimenti per le altre piattaforme esistono comunque dei plugin che possono aiutarti. Altri strumenti interessanti per analizzare il tuo piano editoriale sono Google Search Console, Google Analytics, Seozoom e Moz.

Per finire, non farti prendere dal panico, fai un passo alla volta e come tutte le cose troverai il tuo equilibrio con l’esperienza. Impegnati, lavora sodo e vedrai che raggiungerai degli ottimi risultati. Oppure se non hai tempo affidati a professionisti che sanno fare già tutto questo, sfrutta questa possibilità per far crescere la tua azienda, attività commerciale e il tuo business!

???

Preventivo online adesso!